EMANUELE PRATAVIERA
AIUTIAMO I VENETI A NON AVER BISOGNO DI AIUTO

Diario di Bordo

13/dicembre/2016

NON VOTO LA FIDUCIA AL GOVERNO

Non partecipo al voto di fiducia per il Governo (apparentemente nuovo) Gentiloni.
Renzi e il PD hanno perso il referendum. Il Referendum è stato un macigno scagliato dal popolo contro Renzi, quindi personalmente penso che sia giusto andare al voto. Non possiamo avere paura del giudizio dei cittadini. I cittadini sapevano del rischio di un caos che si sarebbe generato e infatti hanno scelto con un voto che non lascia spazio ad interpretazioni. Serve il caos. Hanno votato contro Renzi e il suo governo. Come noto, in gioco non c'era solo la Riforma. Lo stesso Renzi aveva caricato di attese l'esito del referendum associandolo al proprio destino politico.
Lo stesso Renzi e tutti i partiti sapevano che in caso di affermazione del No, si sarebbe provocato un black out. La legge elettorale vigente è stata fatta come se il Senato non fosse più in vigore, esponendo il paese alla totale ingovernabilità in caso di nuove elezioni. In caso di perdita del referendum e di conseguenti dimissioni del Presidente del consiglio, c'era la totale consapevolezza da parte di tutte (tutte) le forze politiche che il Presidente della Repubblica non avrebbe potuto indire nuove elezioni e che sarebbe stato necessario un governo per fare la legge elettorale. Ribadisco che questo fatto era conosciuto da tutti e tutti ci hanno giocato, sulle spalle dei cittadini!! Tutte le forze politiche in parlamento sono felici della situazione che stiamo vivendo. Conviene a tutti! Movimento 5 stelle e Lega Nord possono massimizzare i consensi con la loro azione propagandistica portando nelle piazze lo scontro allo slogan "il popolo è sovrano!". Berlusconi può prendere il tempo che gli è necessario per il partito e per rimettersi al sicuro. Per Renzi e il PD c'è ora tutto il tempo per regolare i conti in casa e ri-organizzarsi.
Ora c'è la grande incognita a cui nessuno sa dare una risposta: quanto durerà questo Governo o -meglio- quanto durerà il dibattito per l'approvazione della nuova legge elettorale?
Io sono convinto che arriveremo alla fine solo quando Berlusconi si metterà d'accordo con Renzi, come aveva fatto per la riforma costituzionale con il patto del Nazareno, fatto poi salvo rimangiarsi il patto.
Intanto, io non voto la fiducia a questo governo. Dovremmo tornare al voto subito, otterremmo un blocco politico-istituzionale di qualche mese perchè al Senato la ricerca dei numeri per governare non permetterebbe a nessuno di Governare. Forse così i partiti e i cittadini realizzerebbero la necessità di avere una classe politica ( specialmente a destra) che fa le cose e non si limita a usare slogan e proporre libri dei sogni. Servirebbe un reset. Più sto in questo ambiente e più mi convinco...Ma io sono solo un sognatore e mi sento disarmato difronte alla richiesta di serietà da parte di chi paga le tasse in questo paese ed è costretto a mantenere tutte le sue inefficienze.